0549904073 info@phytosalus.it

PESOMENO BURN per il sostegno del metabolismo

Perdere peso in eccesso è difficile. Ma ancora più difficile è fare in modo che il peso eliminato non ritorni.
La perdita di peso richiede molta attenzione e determinazione e non è un processo di inizio e fine infatti per mantenere il peso forma, si deve sempre aderire allo stile di vita sano che ha condotto al risultato.
Raggiunto il peso forma, possiamo ritenerci “normopeso” e non abbiamo quindi più bisogno di dimagrire, perciò in questo momento la dieta dovrebbe cambiare: non più ipocalorica, bensì “normocalorica”, cioè una dieta non più dimagrante ma “di mantenimento” del peso forma raggiunto.

Il numero di calorie da aggiungere deve essere sempre calcolato in base al peso perso ed al tempo impiegato per perdere il peso, perciò come la dieta dimagrante, anche quella di mantenimento deve essere “cucita” addosso.
Si sente spesso parlare di dieta di mantenimento ma oltre l’80% degli adulti che riescono a perdere peso, non riesce, poi,  a mantenere la forma fisica ottenuta e questo porta ad una sconfitta soprattutto a livello psicologico.
Ma cosa succede al nostro corpo in seguito ad un regime ipocalorico?
Recenti studi hanno dimostrato che la produzione ormonale cambia dopo una dieta: il metabolismo subisce un rallentamento e i mutamenti, a livello ormonale, fanno sì che la persona abbia più appetito rischiando di riprendere in breve tempo i chili persi.
Sarebbero gli ormoni regolatori del comportamento alimentare, in particolare la grelina e la leptina, a determinare il cosiddetto “effetto rimbalzo”, ossia il rapido recupero del peso a seguito di una dieta dimagrante a basso contenuto calorico. Infatti le diete strettamente ipocaloriche portano alcuni soggetti a liberare elevati livelli plasmatici di leptina e bassi livelli di grelina e questi hanno quindi più probabilità di recuperare i chili persi, rispetto a quelli con livelli più equilibrati dei due ormoni regolatori.
Questo non accade, però,  a chi, segue un trattamento a 360°, imparando a vivere, e non solo a mangiare, in modo corretto. Senza estremismi. Infatti, la cosa più importante è acquisire un’educazione alimentare e questo è  il vero obiettivo della dieta di mantenimento.

Il vero segreto per mantenere il peso post-dieta, sta in alcune piccole (ma importantissime) regole.

    Ecco uno schema di questi consigli:

  • MODERARE LA QUANTITA’ O MEGLIO PREFERIRE LA QUALITA’ ALLA QUANTITA’ poiché un’alimentazione sana ed equilibrata è basata sulla scelta degli alimenti e sulla quantità di consumo;
  • NON RICADERE IN UNA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA in modo particolare, verso alcune “fonti” di cibo (junk-food);
  • IMPARARE ORARI CORRETTI E PORZIONI CORRETTE, adeguate al proprio dispendio energetico, perché non è tanto uno sgarro a rovinare tutto, quanto tanti piccoli errori ripetuti;
  • FARE ATTIVITA’ FISICA per mantenere alto il metabolismo e tonificare i muscoli;
  • NON SALTARE I PASTI in quanto è l’errore comune che porta a risultati opposti. Saltando i pasti, infatti, si tende a spizzicare tutto il giorno, ingerendo calorie senza accorgersene, oppure si tende ad abbuffarsi al pasto seguente;
  • TENERE SOTTO CONTROLLO IL PESO pesandosi una volta a settimana, al mattino a digiuno. Se si sta iniziando a recuperare peso si dovrà analizzare l’alimentazione ed i possibili errori, aiutandosi con la compilazione di un diario alimentare;
  • AIUTARSI CON L’INTEGRAZIONE ALIMENTARE: gli integratori alimentari non devono sostituire una alimentazione variata ed equilibrata ma in associazione ad essa ed una regolare attività fisica possono aiutare nel controllo del peso.

Per favorire l’equilibrio del peso corporeo possiamo ricorrere alle sostanze antiossidanti, come le catechine: composti appartenenti alla categoria dei flavonoidi, contenute soprattutto nel Tè ed in misura particolare in quello verde. Questi componenti possono aiutare la perdita di grasso addominale in associazione all’esercizio fisico.

Importante è anche sostenere e stimolare il metabolismo.
Questa azione può essere svolta dal Guarana’ che facilità l’ossidazione dei substrati energetici e dall’acido clorogenico (CGA) contenuto nell’estratto di Caffè verde che, oltre ad un effetto antiossidante, ha dimostrato effetti positivi nel rallentare il rilascio del glucosio nel sangue dopo un pasto, riducendo l’assorbimento dello zucchero a livello intestinale.
Il CGA contenuto nei semi “vergini”, inoltre migliora l’azione dell’adiponectina, l’ormone secreto dalle cellule adipose che aiuta nella combustione dei grassi.

Nell’insieme, una integrazione di questi elementi potrebbe coadiuvare la perdita di peso corporeo indotta da appositi interventi nutrizionali e comportamentali (aumento dell’attività fisica) e risultare efficace nel mantenimento del peso forma raggiunto.

Phyto Salus, tra la sua gamma di soluzioni per il controllo del peso corporeo, ha sviluppato PESOMENO burn, integratore di Vitamina B2 e Cromo con estratti titolati di Tè verde, Caffè verde e Guaranà.

PESOMENO burn è un prodotto GLUTEN FREE, privo di sostanze o prodotti che causano allergie o intolleranze.

Fonti

  1. Dulloo et al., Green tea and thermogenesis: interactions between catechin-polyphenols, caffeine and sympathetic activity. Int J Obes Relat Metab Disord. 2000
  2. Koo and Noh, Green tea as inhibitor of the intestinal absorption of lipids: potential mechanism for its lipid-lowering effect. J Nutr Biochem. 2007
  3. Moon et al., Proposed mechanisms of (-)-epigallocatechin-3-gallate for anti-obesity. Chem Biol Interact. 2007
  4. Jin et al. Chlorogenic acid improves late diabetes through adiponectin receptor signaling pathways in db/db mice. PLoS One. 2015
  5. Lima et al. Guarana (Paullinia cupana) Stimulates Mitochondrial Biogenesis in Mice Fed High-Fat Diet. Nutrients. 2018